fabiana salsi, mimettoadieta.it

Le hanno sdoganate le fitness guru americane, tutti le vogliono e sui social non smettono di far tendenza (ora che scriviamo, su Instagram ci sono più di 500mila post con hashtag #detoxwater): sono le acque “detox”. Niente altro che acqua, che arricchita con frutta, erbe aromatiche e verdure tagliati a pezzi e lasciati in infusione, ha tutto un altro sapore. 

«In effetti sarebbe corretto chiamarle “acque aromatizzate”, perché l’acqua depura di per sé», chiarisce subito la dietista Maria Cristina Varotto, che lavora presso il Centro Medico Santagostino di Milano (qui invece la sua pagina Facebook).

E allora cerchiamo di capire meglio che cosa sono le acque detox, o water detox, perché sono utili per dimagrire, quali sono i benefici e come si preparano. E soprattutto se funzionano.

In questo articolo parliamo di:

Benefici delle acque aromatizzate

Se l’acqua depura già di per sé, a cosa servono allora le acque detox?

«Sono anzitutto un ottimo escamotage per bere di più, specie ora che è estate e il nostro corpo ha bisogno di reintegrare i liquidi persi con il caldo e il sudore», prosegue l’esperta.

Anche perché ricordiamolo: bisogna bere tanto e spesso, durante la giornata, anche per mantenere il corpo ben idratato. E un organismo ben idratato ha un metabolismo che funziona meglio.

Quando bere le acque detox

Il trucco per ottimizzarne gli effetti è proprio riservare le bevande aromatizzate ai momenti della giornata in cui normalmente si beve meno.

«Consiglio – dice Maria Cristina Varotto – di sfruttarle lontano dei pasti: mezzo litro a metà mattina e un altro mezzo a metà pomeriggio. Oltre a coadiuvare l’idratazione, a stomaco vuoto l’acqua aiuta anche a riabilitare l’organismo».

Cioè, ad accelerare il metabolismo e a eliminare più facilmente le tossine favorendo la diuresi: ecco perché l’acqua (anche aromatizzata) resta un grande alleato di chi vuole tenersi in forma e perdere peso.

Drenano, depurano e stimolano il metabolismo: bevute al momento giusto, le acque detox
sono dei validi alleati per dimagrire e tornare in forma. Scopri come prepararle e come sfruttarle al massimo.

Perché aggiungere la frutta 

Qual è allora il valore aggiunto della frutta? «Dà anzitutto sapore – spiega la dietista – perché le sue vitamine e sali minerali non si disperdono completamente nel liquido».

Ma usandola per aromatizzare l’acqua, possiamo sempre sfruttarne tutte le proprietà benefiche: «Una volta terminata l’acqua, rimangono i pezzetti di frutta, ricchi anche di fibre che saziano in modo prolungato: un ottimo spezza-fame di cui approfittare. Specie ora perché la frutta estiva, a parità di peso con quella invernale, ha più acqua ma meno calorie, perciò è perfetta anche per due o tre spuntini nell’arco della giornata».

Ovvero, possiamo anche aumentare leggermente le dosi della frutta rispetto ai mesi freddi, senza sentirci in colpa o preoccuparci della linea.

Quale frutta usare

Largo allora a tutti i prodotti di stagione: albicocche, pesche, anguria, melone, frutti rossi come ribes, mirtilli, lamponi, ma anche prugne e uva, tutti frutti del momento.

Inoltre, in infusione sono ottime anche le verdure dei mesi estivi come le zucchine, i cetrioli, i ravanelli. E pure le erbe aromatiche – rosmarino, menta, basilico – e le spezie come zenzero e cannella.

E il limone? «In tanti sono convinti che bere un bicchiere di acqua calda e con un limone spremuto ogni mattina sia il primo rimedio per dimagrire e stare bene. Sì, il limone ha tante proprietà positive, come tutti gli altri frutti (anzitutto ricco di vitamina C, è anche un potente alcalinizzante, che cioè purifica l’organismo, ndr) ed è ottimo per aromatizzare. Ma credo  – conclude Maria Cristina Varotto – che bere acqua e limone al mattino abbia più un effetto positivo da un punto di vista psicologico, che dietetico, perché non è miracoloso, così come – è bene ricordarlo – nessun alimento è miracoloso in sé».

Come fare le acque detox aromatizzate e 6 ricette

LA PREPARAZIONE
Per aromatizzare un litro d’acqua basta circa 100/150 grammi di frutta e verdura. Basta pulirle, tagliarle a pezzetti e tenerle in infusione in acqua e in frigo per 12 ore (il tempo di una notte).

L’IDEA IN PIÚ
Tagliare la frutta o la verdura a pezzetti molto piccoli, e congelarli con l’acqua dentro delle formine per il ghiaccio, da tirare fuori all’occorrenza se ne avete voglia last minute.

6 RICETTE
Qui 6 mix dissetanti – e con frutta spezza-fame di stagione – provati da noi

– Mirtilli, more, lamponi e limone
– Zenzero, limone e menta
– Cetriolo e zenzero
– Anguria, ananas e menta
– Pesca, Albicocca, menta
– Anguria, frutti rossi, cetriolo

fabiana salsi, mimettoadieta.it

Conclusioni: come sfruttarle

  • Sfruttale come escamotage per bere di più
  • Bevile fuori pasto, per aumentare l’idratazione e aiutare l’organismo a perdere tossine e liquidi in eccesso
  • Mezzo litro al mattino e mezzo al pomeriggio è la quantità ideale
  • Utilizza la frutta per fare due/tre spuntini nella giornata
  • Approfitta dei prodotti di stagione per mangiare di più con meno calorie
  • Parti dai nostri 6 mix, e crea i tuoi gusti

Immagini di: Kaizen Nguy on Unsplash; Monika Grabkowska on Unsplash; Caroline Attwood on Unsplash.


Se i nostri articoli ti piacciono, ti suggeriamo di iscriverti alla newsletter

Riceverai tutte le settimane delle email esclusive con dei consigli utili (e testati) per rimanere in forma, dimagrire e migliorare la tua alimentazione. E riceverai subito in regalo una guida per sgonfiarti e perdere peso senza dieta. Se vuoi la guida in regalo, CLICCA QUI