come ridurre gli effetti delle allergie

Non è certo un bel periodo per chi soffre di allergie stagionali. La primavera è arrivata già da un po’. E se fino a oggi le temperature sono state miti, da ora in avanti il caldo inizierà a farsi sentire, i pollini riprenderanno a volare per aria e chi soffre di allergie stagionali a combattere con i vari fastidi che queste provocano. Che si tratti di starnuti, eruzioni cutanee, prurito a occhi, gola o naso poco importa. A volte conviverci è difficile e le allergie nelle forme più aggressive diventano quasi invalidanti.

Ecco, allora, qualche consiglio per contrastare questi fastidi partendo proprio dalla tavola, perché si sa, la sana alimentazione può contribuire a farci stare meglio.

Rimedi naturali contro le allergie al posto dei farmaci

In questo periodo sono pochi coloro che riescono a fare a meno dei farmaci. Decongestionanti e antistaminici riducono secrezioni e gonfiori, salvandoti dalla fastidiosa sensazione del “naso che cola”. Ma per combattere l’istamina, proteina prodotta dal corpo quando viene a contatto con l’allergene e responsabile del manifestarsi delle reazioni allergiche, anche la natura può darti una mano.

Vi sono, infatti, una serie di erbe, alimenti, componenti nutritivi che in molti casi donano sollievo evitando di dover ricorrere a un uso eccsessivo di medicinali.

Perché optare per i rimedi naturali? Perché queste sostanze non causano sonnolenza, non riducono il livello di concentrazione, non incidono sul gonfiore e sul peso forma, ma al contrario regalano un senso di benessere generale.

Perché non provare, quindi? Male che vada, mangeremo meglio.

alimenti che riducono infiammazione e allergie

Flavonoidi, vitamina C e omega 3: antinfiammatori naturali

I rimedi naturali che permettono di contrastare i fastidi delle allergie di stagione sono molteplici. Non fare mancare nella tua giornata la vitamina C, la trovi in numerosi cibi di stagione, tra cui le fragole e i peperoni, ma anche nei kiwi e nelle carote.

Pregiati antinfiammatori sono gli acidi grassi Omega 3. Per la loro funzione di contrasto ai fenomeni allergici puoi usare i semi di canapa per condire le insalate, oppure l’olio di semi di lino, da utilizzare in piccole quantità al posto dell’olio di oliva, per condire le verdure, ma anche piatti di carne o pesce. Ricorda però che l’olio di semi di lino va consumato crudo per non alterarne le proprietà organolettiche.

Se opti per i semi di lino, per meglio assumere le sostanze nutrizionali, vanno tritati, oppure bisogna lasciarli risposare tutta la notte in un dito d’acqua (formeranno una sostanza gelatinosa da ingerire) o nello yogurt da mangiare a colazione.

A contrastare le allergie ci sono anche i flavonoidi, potenti antiossidanti capaci di prevenire nell’organismo il rilascio di antistamina e dei composti che possono provocare infiammazioni e fastidi. Ne sono ricche le mele, le cipolle, i pomodori, i legumi in genere, gli agrumi e la lattuga.

E poi c’è l’ortica, un antinfiammatorio naturale per eccellenza. La trovi facilmente in erboristeria, anche sottoforma di capsule, ma noi ti consigliamo di assumerla come decotto, magari la sera prima di andare a letto, così da concederti un sonno più sereno nelle ore notturne. Lasciati consigliare dal tuo erborista di fiducia per la sua assunzione.

Starnuti, occhi arrossati, naso che cola e eruzioni cutanee. Le allergie sono un male di stagione che può essere contrastato a tavola, con i cibi e le sostanze giuste. Dai semi di lino, antinfiammatori ricchi di acidi grassi omega 3, alle mele, ricche di quercetina, che riduce il rilascio di istamina.

Un menu anti allergie di stagione

La salute sta nel piatto, parti allora dalla colazione per difenderti e regalare al tuo organismo il desiderato benessere.

Al mattino inizia con una tazza di tè verde che, grazie alla presenza di quercetina e catechina, aiuta a ridurre il rilascio di istamina. Se il gusto amaro di questo tè non è di tuo gradimento, prova il Rooibos, il tè rosso africano ricco di antiossidanti e antinfiammatori. Puoi prepararlo come infuso, si trova facilmente in erboristeria, ma anche nei supermercati più forniti.

Mangia lo yogurt bianco magro. I probiotici, batteri buoni dell’intestino, non solo rendono il sistema digestivo felice, ma possono anche limitare le reazioni allergiche.

Per gli spuntini di mattina e pomeriggio scegli mele e fragole. Le prime sono ricche di quercetina, un elemento che si trova anche nei frutti di bosco, mentre le fragole, grazie alla presenza di vitamina C, aiutano il sistema immunitario.

Per un pranzo gustoso e nutriente, invece, porta a tavola il salmone dell’Alaska che, ricco di omega 3, comporta un ridotto rischio di rinite allergica.

E poi non far mancare ai tuoi pasti i cibi integrali, per garantire all’organismo una buona scorta di antiossidanti.

Spezie e erbe aromatiche, alleate preziosi

Nella preparazione dei cibi, aiutati con le spezie e le erbe aromatiche. La curcuma, ad esempio, è ricca di proprietà antinfiammatorie e grazie al suo principio attivo, la curcumina, è in grado di bloccare l’istamina. Usa la curcuma per dare maggiore sapore ai tuoi piatti, abbinala alle verdure, ma anche ai legumi e ad alcuni tipi di pesce.

Altre erbe aromatiche e officinali sono lo zenzero, il finocchio, l’aglio, il basilico. Tutte trovano facile collocazione in cucina e sono ricche di componenti anti-istamina.

Ricordati di bere. L’acqua ti sarà di aiuto anche per contrastare la secchezza della gola. Una volta al giorno diluisci in un bicchiere di acqua due cucchiaini di aceto di mele, utilissimo contro le allergie stagionali e la purificazione dell’intestino.

Un aiuto per le eruzioni cutanee

Può accadere, quando si è allergici, di avvertire prurito, di avere il bisogno incontrollato di grattarsi provocando rossore ed eruzioni cutanee. In questi casi aiutati con il basilico. Prepara un infuso, riempi di acqua un pentolino, aspetta che raggiunga il bollore e aggiungi qualche foglia essiccata di basilico. La dose esatta è di circa 30g di foglie per un litro di acqua.

Procurati delle garze mediche, imbevile nel liquido ancora caldo e applicale sulla zona da trattare. Lasciale agire fin quando non diventeranno fredde, sentirai subito sollievo.

come ridurre prurito allergico

Foto di Artur Rutkowski e Lavi Perchik on Unsplash, Pixabay.


Se i nostri articoli ti piacciono, ti suggeriamo di iscriverti alla newsletter

Riceverai tutte le settimane delle email esclusive con dei consigli utili (e testati) per rimanere in forma, dimagrire e migliorare la tua alimentazione. E riceverai subito in regalo una guida per sgonfiarti e perdere peso senza dieta. Se vuoi la guida in regalo, CLICCA QUI