>>Come perdere peso: 9 falsi miti sulle diete

Come perdere peso: 9 falsi miti sulle diete

mimettoadieta.it, mi metto a dieta

Saltare i pasti pensando di perdere massa grassa, bannare pane e pasta certi che siano la soluzione definitiva per non aumentare di peso, ma anche abbondare con snack light perché sono sempre “ipocalorici” e rifugiarsi nei “superfood” per rimediare dopo una scorpacciata: sono alcuni dei falsi miti più popolari sulle diete.

Non si tratta altro che di leggende metropolitane, in alcuni casi delle vere e proprie fake news, perché certe convinzioni non solo non sono efficaci per chi vuole perdere peso, ma anzi, nella maggior parte dei casi hanno l’effetto contrario e possono mettere a rischio il nostro benessere e il funzionamento del nostro organismo.

In questo articolo vi presentiamo le più diffuse, e le smontiamo una ad una.

E se il tuo obiettivo è tornare in forma e dimagrire, ti ricordiamo che il nostro percorso GO-DIET è gratuito fino al 31/12 (se non sai che cos’è GO-DIET, te lo spieghiamo in questo articolo).

Ecco di cosa parliamo in questo articolo:

1. Se “dissocio” la dieta, dimagrisco

Dividere i nutrienti in base ai momenti della giornata, riservando – come fanno in tanti – carboidrati al pranzo e proteine durante la cena, dà solo svantaggi.

Un eccesso di carboidrati a pranzo, specie se non si tratta di cereali integrali (che hanno più fibre e prolungano il senso di sazietà) aumenta il livello di zuccheri nel sangue provocando picchi glicemici con il rischio di trasformare gli eccessi in grasso e far tornare la fame durante il pomeriggio.

Contemporaneamente un eccesso di proteine la sera rischia di appesantirci e tenerci svegli, perché questi nutrienti rendono più vigili.

La verità è che nei due pasti principali, il piatto deve sempre essere bilanciato, cioè composto per metà da verdure, un quarto da carboidrati (sempre meglio integrali) che possono essere pasta, riso, quinoa, cous cous o pane, e un altro quarto da proteine, ovvero carne, pesce, legumi o altre proteine vegetali come il tufo.

Il tutto condito con un cucchiaio a crudo di olio extravergine d’oliva.

mimettoadieta.it, mi metto a dieta

2. Se mangio la pasta di sera ingrasso

Altra credenza popolare è che un piatto di pasta la sera sia il peggior nemico della dieta: niente di più falso, sempre che – ovviamente – la quantità (e i condimenti) rientrino complessivamente in un piatto bilanciato.

Come comporlo? La porzione di pasta consigliata è di 70/80 grammi, condita con legumi (o anche carne trita e formaggi come il parmigiano) e verdure è la cena perfetta.

Non mangiare la pasta la sera, credere all’esistenza di cibi brucia grassi, mangiare cibi light: sono alcuni dei numerosi falsi miti e fake news sulle diete e sull’alimentazione. Che oltre a essere inefficaci se si vuole dimagrire, rischiano di essere controproducenti o addirittura dannosi

3. Se salto i pasti, perdo peso

La verità è che il digiuno è il peggior nemico di chi vuole tenersi in forma.

I motivi principali sono due: il primo è che saltare i pasti fa calare bruscamente il livello di zuccheri nel sangue, così l’organismo – per mantenere il glucosio a livelli normali – li cerca nei muscoli indebolendoli e facendo perdere massa magra.

Il secondo è che tutto questo rallenta contemporaneamente il metabolismo inducendolo a bruciare calorie con molta più parsimonia.

Tradotto: saltando i pasti alla lunga si può anche rischiare di ingrassare. Anche perché, stando a digiuno, si è generalmente più propensi a cercare “ricompense” in snack che spesso sono cibi spazzatura.

4. Le verdure sono il contorno

Falso: le verdure sono i migliori alleati di chi vuole tenersi in forma.

Sono gli unici cibi che possiamo mangiare quanto e quando vogliamo (sempre che non siano fritte…), perché sono ricchissime di nutrienti come sali minerali, vitamine, e acqua e contemporaneamente povere di calorie.

Al contrario ad esempio della frutta, che contiene fruttosio (e cioè zucchero): mangiarne quindi grandi quantità (specie in inverno, dato che i frutti di stagione sono più calorici) aumenta il livello di glucosio nel sangue provocando picchi che trasformano gli eccessi in grasso.

mimettoadieta.it, mi metto a dieta

5. Gli spuntini migliori sono light

Non è sempre vero, perché i cibi “light” – anche se con contenuti ridotti di grasso e zucchero – non è detto che siano sempre ipocalorici e inoltre possono nascondere additivi e conservanti.

Dunque, vale sempre la regola che per scegliere bisogna leggere a fondo l’etichetta per capire cosa c’è nel cibo che mangiamo. E poi c’è una soluzione ancora più comoda e sicuramente sana: preferire cibi natuarali anche per gli spuntini, per esempio la frutta fresca o secca, verdure crude (come carote o finocchi), dolci con pochi zuccheri (come quelli suggeriti qui).

Non esistono cibi miracolosi o trucchetti furbi: per perdere peso e tornare in forma bisogna imparare a mangiare e fare sport. Solo un radicale cambio delle abitudini, può portare a dei risultati duraturi e scongiurare l’effetto yo-yo 

6. I superfood sono i miei migliori amici

Credi ai miracoli? I superfood tanto amati dal marketing li promettono, ma la verità è che per le sostanze antiossidanti che contengono, ad esempio, quinoa, melograno o tè verde da sole non aiutano a limitare l’assunzione calorica o a ringiovanire. Restano però un aiuto validissimo, dando una marcia in più, a chi già conduce uno stile di vita sano, e cioè fa attività fisica e mangia pasti bilanciati.

7. I cibi brucia grassi aiutano a perdere peso

Altro miracolo in cui spesso si crede: l’esistenza di alimenti in grado di sciogliere i grassi in eccesso. Ecco, non esistono cibi con questi poteri (sarebbe bello, ma non è così).

Al massimo, alcune verdure, frutti, erbe o spezie (ad esempio, l’ananas, il sedano, la cannella, il peperoncino…) hanno delle proprietà benefiche che stimolano l’intestino, aiutano a digerire, favoriscono il microbiota, la circolazione, drenano, etc. Ma non bruciano i grassi.

mimettoadieta.it, mi metto a dieta

8. Lo zucchero di canna è meglio di quello bianco

L’unico “vantaggio” dello zucchero di canna, anche integrale, è che contiene più sali minerali e vitamine rispetto allo zucchero bianco, ma la quantità è così bassa che sostituito non fa la differenza.

La verità è che sarebbe bene eliminare completamente lo zucchero dalla dieta, perché non svolge nessuna specifica funzione nutritiva e anzi non fa che innalzare il livello di glucosio nel sangue esponendoci perciò al rischio di ingrassare.

mimettoadieta.it, mi metto a dieta

9. Se elimino i carboidrati, torno in forma

Sarebbe bello se per perdere peso potessimo semplicemente limitarci a eliminare un gruppo di alimenti. E infatti non è così: i carboidrati (presenti nei cereali, nelle verdure, nei legumi e nella frutta) sono fondamentali, devono rappresentare il 50/60% del fabbisogno quotidiano ed essere presenti a colazione, pranzo e cena.

Pena rischiare pericolosi cali di zucchero che hanno un solo effetto: farci sentire stanchi, spossati, estremamente irritabili. E farci sentire ancora più forte il desiderio di mangiare junk food e dolci.

Conclusioni: falsi miti e fake news sulle diete

Ecco, come abbiamo visto alcuni miti e leggende rischiano di ottenere davvero l’effetto contrario, se si vuole dimagrire. Per questo è importante conoscerli per evitarli. Ma soprattutto, è importante leggere, approfondire e non fidarsi degli articoli acchiappaclick, che come abbiamo visto possono avere conseguenze dannose. Per tornare in forma e stare bene, l’alimentazione sana ed equilibrata è fondamentale.

Quindi, ora sai:

  • Perché non fa bene dissociare gli alimenti
  • Perché la pasta di sera non fa male
  • Perché saltare i pasti è deleterio
  • Perché dovremmo sempre mangiare verdure (e non limitarle solo ai contorni)
  • Perché gli spuntini light non sono sempre sani
  • Perché i superfood sono sopravvalutati
  • Perché i cibi brucia grassi non esistono
  • Perché i cibi bruciagrassi non risolvono gli eccessi alimentari
  • Perché lo zucchero di canna non è migliore di quello bianco
  • Perché eliminare i carboidrati non è un vantaggio

Foto di: Vitchakorn Koonyosying on Unsplash, Adi Chrisworo on Unsplash.

2018-12-07T11:56:56+00:00By |DIETE|

About the Author:

Mamma di Lorenzo, compagna di Giorgio, di mestiere faccio la giornalista, e scrivo da freelance per riviste femminili, siti di informazione e il mio blog www.viaggioscrivoamo.com di tutto ciò che mi fa stare bene, mi incuriosisce e mi appassiona: i viaggi che vivo e che sogno in giro per il mondo e il cibo buono, sano e sostenibile da preparare in casa o mangiare fuori. Su Instagram sono @Faduepuntozero