mimettoadieta.it, mi metto a dieta

Mangeremo più verdure e sempre meno carne, nuovi frutti esotici, e il latte d’avena diventerà il nostro preferito tra le bevande a base vegetale.

Lo dicono le grandi classifiche sui foodtrend dell’anno appena iniziato, secondo cui questo “latte” sarà tra gli immancabili per consumatori complessivamente sempre più attenti alla linea. Il motivo? Oltre a essere una valida alternativa per chi, per ragioni etiche o di salute esclude il latte vaccino dalla dieta, è ipocalorico: 100 grammi di latte d’avena contengono 47 calorie, la stessa quantità di latte di mandorla ne ha 50 e con il latte vaccino si sale 63.

E allora cerchiamo di conoscerlo meglio e capire quali sono i benefici del latte di avena e anche come prepararlo in casa.

In questo post parliamo di:

Che cos’è il latte di avena

Ma l’attenzione rivolta al latte di avena non è solo questione di calorie. L’avena, il cereale che sta alla base di questa bevanda, sta vivendo un momento di grande “celebrità”.

Un tempo era considerato un cereale “povero”, destinato a diventare spesso mangime animale, poi ha cominciato a diffondersi anche sugli scaffali dei supermercati in fiocchi o prodotti derivati (come le bevande, appunto), perché sono state rivalutate le sue proprietà benefiche.

mimettoadieta.it, mi metto a dieta

Le proprietà benefiche del latte d’avena

I motivi? Contiene pochissimi grassi (1,5 g contro i 3,5 del latte vaccino), e soprattutto è ricchissimo di fibre che, oltre a facilitare la funzione intestinale, abbassano i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e aumentano il senso di sazietà. Viene infatti consigliato a chi sta seguendo una dieta ipocalorica.

Merito del betaglucano, una fibra che agisce come una spugna: imprigiona il colesterolo e non lo fa assorbire dall’intestino.

Non solo: il latte d’avena è molto ricco di minerali che aiutano a tener sotto controllo anche lo stress, depressione, insonnia, e di acido folico, fondamentale per la produzione di globuli rossi e ancora di più in periodi come la gravidanza per favorire il corretto sviluppo del feto.

L’avena è un cereale che ha tantissime proprietà. Contiene pochissimi grassi, è ricchissimo di fibre, in grado di abbassare i livelli di colesterolo cattivo nel sangue e aumentare il senso di sazietà. È l’ideale a chi sta seguendo una dieta ipocalorica 

Quando è utile berlo

Per contro, non è la migliore fonte di proteine tra le bevande: ne contiene appena 0.3 grammi.

Cosa vuol dire? Che è perfetto da bere per uno spuntino veloce e dietetico ma se, si riserva il latte d’avena alla colazione, da solo non è sufficiente.

Affinché la colazione sia equilibrata (e non soffrire subito la fame), è bene aggiungere – insieme a una dose di carboidrati data ad esempio da pane integrale o fette – un’ulteriore fonte proteica. Un esempio su tutti per completare perfettamente senza appesantirsi è la frutta secca, che in più apporta sali minerali, vitamine e acidi grassi essenziali.

Come si prepara in casa

Tutto questo senza nemmeno aver bisogno di un granello di zucchero, perché il latte d’avena dolcissimo di per sé, e questo in fondo è un altro punto a suo favore. Proprio per questo, è perfetto anche per preparare dessert light naturalmente dolci.

Ancora meglio, dato che le bevande vegetali a base d’avena contengono spesso oli aggiunti (la maggior parte delle volte si tratta di olio di girasole), se viene fatto in casa, in modo artigiale. È semplicissimo.

Ecco la ricetta.

mimettoadieta.it, mi metto a dieta

Ricetta del latte di avena casalingo

Ingredienti: 9 cucchiai di fiocchi d’avena, 1,5 liti di acqua.

Procedimento: frullate i fiocchi con l’acqua, filtrate il liquido.
A questo punto è pronto da bere.

Foto di: Carlos T.; Carissa Gan; Andrea Tummons on Unsplash